Il canto e i centenari raccontano il segreto della vita

Il progetto riguarda lo sviluppo di questa particolare area della Sardegna interessata da un forte spopolamento e da un invecchiamento della popolazione residente. “Blu Zone” è infatti il termine usato per identificare un’area demografica e/o geografica del mondo in cui la speranza di vita è notevolmente più alta rispetto alla media mondiale. Il progetto, che si inserisce in un quadro più ampio di azioni di sviluppo territoriale, coinvolge 10 comuni e altrettanti gruppi di canto che sono il filo comune delle Comunità locali, della loro tradizione e della loro cultura.

Attraverso il canto e la musica popolare si vuole offrire una narrazione originale e innovativa di un’area dalle forti potenzialità turistiche, per la presenza di beni naturali e storici di grande valore. Rappresentare per conoscere, conoscere per attrarre, attrarre per creare benessere e ricchezza. Con il progetto “Blu Zone Songs Marghine” il linguaggio dell’arte, della cinematografia e della cultura diventano elemento centrale dello sviluppo locale. Una nuova visione nella narrazione del territorio e dei suoi elementi più caratteristici.

 

Con il cortometraggio di video arte (di seguito anche film o docufiction) abbiamo voluto coinvolgere l’area sarda interessata da un forte spopolamento e invecchiamento della popolazione residente. Blu zone è il termine usato per indicare un’area demografica dove la speranza di vita è notevolmente più alta rispetto ad altri posti.

With the video-art short film (film or docu-fiction in the future), we wanted to engage the Sardinian areas characterised by strong depopulation and ageing of the inhabitants. Blue zone is the term used to indicate a demographic area where life expectancy is considerably higher compared to other areas.

Il progetto, attraverso la realizzazione di una docufiction, ha rappresentato il territorio del centro Sardegna (nello specifico il territorio del MARGHINE), la sua popolazione e le sue tradizioni canore.

The project, through the realisation of a docu-fiction, has represented the inner Sardinian territory (MARGHINE area), its population and its singing traditions.

La subregione del Marghine è infatti caratterizzata da molti gruppi di canto (di seguito anche cori) presenti in ogni piccolo paese – Comunità e tramandano le tradizioni canore di secoli e secoli di musica.

The Marghine sub-region is characterised by a lot of singing groups (or choirs). Every little village/community has its own and they pass on centenarian singing traditions.

La docufiction è un’occasione per la valorizzazione della cultura canora e dei propri testimoni ossia i gruppi di canto. La musica è al centro delle tradizioni e interpreta un ruolo fondamentale nella vita delle persone di questi posti, non esiste cerimonia, festa sarda senza l’accompagnamento della musica e del canto.

The docu-fiction is an opportunity to promote the singing culture and its spokesmen, the singing groups. Music is central in traditions, and it has a fundamental role in life. There is not a ceremony, a Sardinian celebration without accompanying music and singing.

Il canto oltre a essere testimone delle fasi della vita, è anche volano per azioni di collaborazione nella Comunità, grazie al canto le persone si ritrovano e condividono il tempo libero. Questo dà vita a un incontro intergenerazionale dove giovani e anziani si ritrovano insieme per il medesimo obiettivo.

Singing is not only a witness of the different phases of life, it also gives the opportunity for collaborations within the community. People, through singing, meet up and spend their free time together. It represents an occasion for an intergenerational meeting where elders and youngsters meet for the same objective.

La docufiction è stata pensata in questo modo ossia per mettere insieme una parte di documentario dove viene rappresentato il canto e le sue caratterizzazioni tenore, cuncordu e polifonico e la parte di video-arte per caratterizzare meglio una storia emozionante di ritorno, scoperta, futuro e incontro intergenerazionale. 

The docu-fiction is realised in that way to put together: 1) a documentary in which singing is represented through songs and tenor, cuncordu and polyphonic characteristics, 2) and the video-art section to better characterise a touching story of return, discovery, future and intergenerational meeting.

I gruppi di canto coinvolti sono:

Melchiorre Murenu-Macomer

APS Coro Armonia Mundi-Macomer

Coro Folk Città di Macomer

Cuncordu Ortigalesu- Bortigali

Santu Larettu- Silanus

Tenore e Concordu sa Maddalena- Silanus

Corale Polifonica di Bortigali- Bortigali

Coro Marghine-Bolotana

Coro Polifonico Silanus

Corale Leyese- Lei

Su Cuncordu ‘e Chida Santa- Silanus

Sas Enas- Bortigali

Associazione Culturale Coro di Bortigali

Tottoi Zobbe- Bolotana

Tenore Santa Serbana e Santu Larentu -Silanus

Tenore Santa Sarbana – Silanus

Le canzoni presentate sono:

Isula de silenziu – Pinuccio Giudice Marras

S’iscadu de Sardigna – Merchiorre Murenu

Musiche di Francesco Vacia Baldus

Ninna Nanna De Antoni Istene 

O sacrum concivium di Luigi Molfino

A Macumere

Serenada a Teresa

Seria e Ballu: antu ti che se fatta bella di Gianni Vasco

Ottava Trista canto Settimana Santa

Boghe Seria

Passu Torradu

Tenore: Unu cantu serie a Silanus 

Ballo: Su dillu mi serere

Bortigale

Giovinezza

Laudadu

Bolotana

A Silanus 

Su cantu de sa paghe

Gosos de Santu Marcu 

Cund unu biancu velu

Gosos di sant’antonio abate

Stabat mater

Sa bella graziosa istudiantina

Stabat mater

Bonas uras 

A mama

Involved singing groups:

Melchiorre Murenu-Macomer

APS Coro Armonia Mundi-Macomer

Coro Folk Città di Macomer

Cuncordu Ortigalesu- Bortigali

Santu Larettu- Silanus

Tenore e Concordu sa Maddalena- Silanus

Corale Polifonica di Bortigali- Bortigali

Coro Marghine-Bolotana

Coro Polifonico Silanus

Corale Leyese- Lei

Su Cuncordu ‘e Chida Santa- Silanus

Sas Enas- Bortigali

Associazione Culturale Coro di Bortigali

Tottoi Zobbe- Bolotana

Tenore Santa Serbana e Santu Larentu -Silanus

Tenore Santa Sarbana – Silanus

Presented songs:

Isula de silenziu – Pinuccio Giudice Marras

S’iscadu de Sardigna – Merchiorre Murenu

Musiche di Francesco Vacia Baldus

Ninna Nanna De Antoni Istene 

O sacrum concivium di Luigi Molfino

A Macumere

Serenada a Teresa

Seria e Ballu: antu ti che se fatta bella di Gianni Vasco

Ottava Trista canto Settimana Santa

Boghe Seria

Passu Torradu

Tenore: Unu cantu serie a Silanus 

Ballo: Su dillu mi serere

Bortigale

Giovinezza

Laudadu

Bolotana

A Silanus 

Su cantu de sa paghe

Gosos de Santu Marcu 

Cund unu biancu velu

Gosos di sant’antonio abate

Stabat mater

Sa bella graziosa istudiantina

Stabat mater

Bonas uras 

 

A mama

Le tecniche di ripresa

Per la realizzazione del cortometraggio di video arte si è pensato di introdurre le tecniche della video arte.

Filming techniques

For the realisation of this video-art short film it has been introduced the video-art technique.

La videoarte, (in inglese video art), è un linguaggio artistico basato sulla creazione e riproduzione di immagini nel casting. 

Video-art is an artistic language based on the creation and reproduction of images.

Il filo conduttore sulla “scoperta del canto e dei suoi segreti” è rimasto immutato, ma è stato modificato lo stile del film, qualificabile meglio come “film Artistico”.

The common thread “the discovery of singing and its secrets” has remained unchanged. Only the film style has been changed. It is now identifiable ad an “Artistic film”.

Il cortometraggio invece di esprimere un racconto tipico dello stile fiction, si è sostituito con un’immagine più simbolica ed evocativa, alternativa alla recitazione. Sono state utilizzate alcune sofisticate tecniche di animazione e di manipolazione del tempo e dell’immagine (es. tecnica di green screen, rallenty, ipervisione, timelapse).

The fiction style has been substituted by a more symbolic and evocative image, an alternative to normal acting. Some sophisticated techniques of animation and manipulation of time and image have been used (i.e. green screen technique, slow-motion, hyper vision, time-lapse).

 

Senza alcun dubbio l’innovazione e la sperimentazione del cortometraggio sono di gradimento sia a un pubblico regionale che internazionale, un progetto di questo genere con pochi dialoghi in italiano avrà maggiori possibilità di essere diffuso e fruito all’esterno.

Innovation and experimentation, without any doubt, are appreciable by both regional and international audiences. A project like this one, with small dialogues in Italian, would has more opportunities to be spread and watched abroad.

Con il cortometraggio è stato esaltato il canto tradizionale a tenore sardo che è patrimonio immateriale dell’UNESCO. Con la distribuzione del cortometraggio saranno inseriti anche degli inserti di approfondimento sui luoghi in cui è stata girato il film e una breve narrazione sulla storia del canto sardo e dei cori coinvolti. Con la visione del film e la lettura della narrazione di approfondimento gli spettatori potranno ripercorrere i luoghi ripresi e incontrare i cori. Questo renderà il territorio del Marghine maggiormente attrattivo e consentirà una crescita turistico culturale.

The traditional Sardinian tenor singing, UNESCO Intangible Cultural Heritage, has been enhanced through this short film. Some inserts about the shooting areas with a brief narration about the Sardinian singing history and involved choruses will be provided once the short film will be distributed. The audience, through the short film and the inserts, will be able to retrace the shooted areas and meet the chorus. It will make the Marghine area more attractive, providing a touristic and cultural growth.

Con la realizzazione del cortometraggio tutti i cori presenti nel Marghine sono stati coinvolti e per la prima volta hanno collaborato verso un progetto comune. La collaborazione non finirà con la fine delle riprese ma si è già programmato un evento annuale itinerante in cui tutti i cori di esibiranno insieme per mostrare un coinvolgimento sociale e culturale forte verso un futuro di collaborazione e condivisione.

Through the realisation of this short film, all the Marghine area choruses were involved for the first time, collaborating for a common project. The collaboration will not end with the end of this project; it has been scheduled an annual event in which all the choruses will be performing together to show the social and cultural engagement for a future of collaboration and sharing.

Questa attività si rafforza il sistema di relazioni socioeconomiche con la promozione del territorio in chiave turistica.

This activity reinforces the socio-economic relationships with the promotion of the territory in a touristic perspective.

Per le riprese di video arte sono stati coinvolti attori e attrici locali per rendere più coeso il lavoro e programma. 

Local actors and actresses have been involved in the shooting, in order to make the work and the program more cohesive.

Il progetto ha raccontato il canto, i suoi protagonisti e la longevità con narrazione suggestiva.

The project has talked about the singing, its protagonists and its longevity through an evocative narration.

È stato importante creare un prodotto come attrattore turistico e mettere in rete i comuni coinvolti.

It has been important to create a product for touristic purposes and to put together the involved administrations.

In alcuni frame della videoarte sono stati inseriti i gesti della lavorazione del pane e della terra (vigna) per mostrare una valorizzazione agroalimentare del territorio.

In same video-art frames have been put the preparing bread and working the land (vineyards) phases to show an agro-food promotion of the territory.

Siti riprese

Durante le riprese video sono stati valorizzati alcuni siti culturali e religiosi dei paesi del Marghine come:

 

Piazza Melchiorre Murenu Macomer

Chiesa santa croce Macomer

Piazza Santa Croce Macomer

Piazza Melchiorre Murenu Macomer

Vecchio mulino di Bortigali

Chiesa sa Itria Silanus

Chiesa Rosario Bortigali

Casa museo Bortigali

Chiesa di San Bachisio Martire Bolotana

Chiesa san Michele Lei

Chiesa santa sabina Silanus

Bosco Badde Salighes

Chiesa San Pietro Lei

Shooting areas

During the video shooting some cultural and religious areas of Marghine have been enhanced, such as:

 

 

Piazza Melchiorre Murenu Macomer

Chiesa santa croce Macomer

Piazza Santa Croce Macomer

Piazza Melchiorre Murenu Macomer

Vecchio mulino di Bortigali

Chiesa sa Itria Silanus

Chiesa Rosario Bortigali

Casa museo Bortigali

Chiesa di San Bachisio Martire Bolotana

Chiesa san Michele Lei

Chiesa santa sabina Silanus

Bosco Badde Salighes

Chiesa San Pietro Lei